logo

bannercard

Youtube Cisl FP

ChannelCISL 1

Dal Sito nazionale


Convenzioni


 

Chi è Online!

 875 visitatori online

Twitter Cisl FP

twitter logo

Cisl Turismo

ECM 2014

bbd8a310e54d4bd8381ab9af32cc5806 S

123037250712imgscp-01

 

LA CITTA’  del  12 aprile 2013

 

Napoli

Congresso regionale della Cisl   Giovedì incontro con Bonanni

 

Il sindacato elegge la nuova segreteria campana. Il dibattito prenderà il via mercoledì 17 aprile nella sede del Museo diocesano

 

Prende il via mercoledì, 17 aprile, alle 15.30, al Museo Diocesano di Napoli, l’undicesimo Congresso della Cisl Campania che eleggerà la nuova Segreteria del Sindacato di Via Medina. Dopo la relazione del Segretario Generale, Lina Lucci, e i saluti delle Autorità si svolgerà il dibattito; le conclusioni, in programma per le 18.30, sono affidate al Segretario Confederale Cisl, Pietro Cerrito.

Giovedì, 18 aprile, dopo una messa officiata nel Duomo di Napoli, dal Cardinale Crescenzio Sepe, riprenderanno i lavori con il dibattito e le relazioni in programma. Alle 16 è in programma una tavola rotonda dal titolo “Produttività del lavoro e competitività delle imprese: la portualità diventa sistema”. Il programma prevede l’introduzione dell’Esperto in Infrastrutture Portuali, ingegner Marco Di Stefano, e il confronto, in qualità di relatori, tra Raffaele Bonanni, Segretario Generale della Cisl, Stefano Caldoro, Presidente della Giunta Regionale della Campania, Carlo Borgomeo, Presidente della Fondazione con il Sud e Paolo Scudieri, Amministratore Delegato del Gruppo Adler.

Alle 17.30 l’Orchestra Giovanile “Sanitansamble” terrà un breve concerto prima che si concludano i lavori con l‘elezione, da parte del nuovo Consiglio Generale della Cisl Campania, dei componenti della Segreteria.

 

SALERNO TODAY   12 aprile 2013

 

Cure sanitarie fuori Regione? Da oggi solo se le autorizza l'Asl

 

La Regione ha dettato le nuove regole: da oggi anche chi muore in

autombulanza dovrà pagare circa 25 euro. Sconcerto della Cisl Fp

 

Altra stangata sulla sanità regionale e, inevitabilmente, sui pazienti salernitani. Dal primo gennaio scorso, infatti, con il decreto del commissario pubblicato sul Burc dell'8 aprile, chiunque intenda sottoporsi a particolari interventi su retina, cristallino, strutture intraoculari, malattie e disturbi dell' apparato muscolo-scheletrico e connettivo, interventi al ginocchio, dovrà essere autorizzato dalle Asl. Scopo della novità, "azzerare il fenomeno della emigrazione sanitaria verso regioni limitrofe e confinanti", secondo il segretario generale della Cisl Fp Pietro Antonacchio. In tal modo, si spera di ridurre la spesa per tali prestazioni costate alla Regione centinaia di milioni di euro.

I non residenti che si recano presso i presidi sanitari del territorio, senza ricovero, dovranno pagare per il codice bianco 41,32 euro, per il verde 154,94 euro, per il giallo 309,87 euro e per il rosso 1.032,91 euro. Se poi il paziente dovesse spirare in ambulanza, i suoi familiari dovranno versare 25,82 euro. Circa le spese di trasporto dei malati: 300 euro per l'ambulanza, 1300 euro per gli interventi via mare e oltre 3 mila euro per l'elisoccorso.

"In questa regione ormai prossima al disastro economico e in cui il degrado sociale sta raggiungendo limiti intollerabili e insostenibili, si decide di limitare il diritto di andarsi a curare ove meglio si ritiene, non favorendo riqualificazione e valorizzando le attività del nostro territorio, ma lasciando invariati i servizi ed impedendo ai propri cittadini di scegliere", ha concluso, affranto, Antonacchio.

 

 

cislfpsalerno del 12 aprile 2013

COMUNICATO STAMPA DI PIETRO ANTONACCHIO del 12/04/2013 IN CAMPANIA MESSO IN DISCUSSIONE ANCHE L’UNIVERSALITA’ DEL SISTEMA SANITARIO

Dal primo gennaio u.s. grazie al decreto del commissario ad acta n° 156 pubblicato sul BURC dell’otto aprile 2013 particolari interventi su retina, cristallino, strutture intraoculari, malattie e disturbi dell’ apparato muscolo-scheletrico e connettivo, interventi sul ginocchio, dovranno essere autorizzati dalle AA.SS.LL. E’ una novità per azzerare il fenomeno della emigrazione sanitaria verso regioni limitrofe e confinanti. E’ un provvedimento che mira a ridurre la spesa per tali prestazioni che per il 2011 è costato alla Regione circa 400 milioni di euro e che sicuramente è una cifra superata per l’anno 2012, che alla data odierna non è ancora dato sapere poiché la obsoleta macchina burocratica campana è talmente celere che a distanza di un anno e mezzo si sa quanto è stato speso, ossia nel 2013 si sa quanto erogato per particolare assistenza extraregionale intervenuta nell’anno 2011. Altra novità del provvedimento riguarda la riformulazione di tariffe per i non residenti che si recano presso i nostri PS senza ricovero e per le quali si potranno richiederei rimborsi rispettivamente per il codice bianco € 41,32, il verde € 154,94, il giallo € 309,87 e il codice rosso € 1.032,91. Si pagherà € 25,82 anche in caso di decesso durante il trasporto in ambulanza. Stabilite anche le nuove tariffe per il trasporto con i mezzi di soccorso attraverso il 118. Sono 300 euro per l’ambulanza, 1300 euro per gli interventi via mare e oltre 3 mila euro per l’elisoccorso.“E’ la definitiva scomparsa della universalità del sistema sanitario in Campania – afferma Pietro Antonacchio Segretario Generale della CISL FP – che in uno alla disgregazione del sistema socio assistenziale sta portando la Regione Campania ad essere il fanalino di coda nella salvaguardia dei diritti fondamentali della persona. In questa regione ormai prossima al disastro economico e in cui il degrado sociale sta raggiungendo limiti intollerabili e insostenibili oltre a non tener conto dell’art. 32 della costituzione..… “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”,…. si decide di limitare il diritto di andarsi a curare ove meglio si ritiene che si possano prendere cura della propria persona, non favorendo riqualificazione e valorizzando le attività del nostro territorio, ma lasciando invariati i servizi ed impedendo ai propri cittadini di scegliere.  Non solo, ma sicuramente le pratiche che le ASL dovranno vagliare si baseranno su protocolli farraginosi e insopportabili, per cui la maggior parte dei cittadini preferirà pagare di tasca propria per accelerare le procedure, nel migliore dei casi cioè quando le disponibilità economiche lo permetteranno, ovvero rinunceranno alla cura, aggravando ulteriormente le spese sanitarie. Mi piacerebbe conoscere – conclude ironicamente Pietro Antonacchio – come riusciranno a farsi pagare i 25 euro dal deceduto ovvero chi andrà a chiedere i soldi ai parenti. Poi ci si meraviglia che qualche operatore viene aggredito e malmenato. Sarebbe opportuno che Caldoro e il saggio Morlacco ci provassero almeno una volta a farsi pagare dagli utenti in particolari momenti per capire quanto sono scollegati dalla realtà.”

Salerno

Cure sanitarie fuori Campania

 
Le nuove regole della Regione

 

I cittadini dovranno chiedere preventivamente l’autorizzazione all’Asl. Stangata per i non residenti: 25 euro anche se si muore in ambulanza

Dal primo gennaio scorso, grazie al decreto del commissario ad acta n° 156 pubblicato sul BURC dell'otto aprile 2013 particolari interventi su retina, cristallino, strutture intraoculari, malattie e disturbi dell' apparato muscolo-scheletrico e connettivo, interventi sul ginocchio, dovranno essere autorizzati dalle Asl. È quanto sottolinea in una sua nota il segretario generale della Cisl Fp Pietro Antonacchio. Si tratta di una novità introdotta «per azzerare il fenomeno della emigrazione sanitaria verso regioni limitrofe e confinanti. È un provvedimento che mira a ridurre la spesa per tali prestazioni che per il 2011 è costato alla Regione circa 400 milioni di euro».

Altra novità del provvedimento riguarda la riformulazione di tariffe per i non residenti che si recano presso i nostri presidi sanitari senza ricovero e per le quali si potranno richiedere i rimborsi rispettivamente per il codice bianco € 41,32, il verde € 154,94, il giallo € 309,87 e il codice rosso € 1.032,91. Si pagherà € 25,82 anche in caso di decesso durante il trasporto in ambulanza. Stabilite anche le nuove tariffe per il trasporto con i mezzi di soccorso attraverso il 118. Sono 300 euro per l'ambulanza, 1300 euro per gli interventi via mare e oltre 3 mila euro per l'elisoccorso.

«È la definitiva scomparsa della universalità del sistema sanitario in Campania - afferma Antonacchio - che in uno alla disgregazione del sistema socio assistenziale sta portando la Regione Campania ad essere il fanalino di coda nella salvaguardia dei diritti fondamentali della persona. In questa regione ormai prossima al disastro economico e in cui il degrado sociale sta raggiungendo limiti intollerabili e insostenibili, si decide di limitare il diritto di andarsi a curare ove meglio si ritiene, non favorendo riqualificazione e valorizzando le attività del nostro territorio, ma lasciando invariati i servizi ed impedendo ai propri cittadini di scegliere».

«Sicuramente - aggiunge Antonacchio - le pratiche che le Asl dovranno vagliare si baseranno su protocolli farraginosi e insopportabili, per cui la maggior parte dei cittadini preferirà pagare di tasca propria per accelerare le procedure, nel migliore dei casi cioè quando le disponibilità economiche lo permetteranno, ovvero rinunceranno alla cura, aggravando ulteriormente le spese sanitarie. Mi piacerebbe conoscere - conclude ironicamente Antonacchio - come riusciranno a farsi pagare i 25 euro dal deceduto ovvero chi andrà a chiedere i soldi ai parenti».

 

 

 

Iscrizione Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime news

Social Cisl FP

Cerca ....

ecm

Previdenza Complementare

lavoroit

Riforma P.A.

Lavoro Pubblico

Ritaglia e conserva

Facebook Cisl FP

Cisl Servizi Salerno

 

 

 

Cisl Salerno Sedi

 

STRUTTURE SUL TERRITORIO

banner-animato-tesseramento2015

 

tesseramento 2015

 

 

 

 ________________________________________________________________________________________________________________________________________________________